I voti più veloci del web!!!

Quando un palo è di troppo....

Il letale sinistro di Gabbidini, le pittoresche scuse di Tacconi e le "prestazioni" di Sanchez !!!

Dopo la sosta dovuta agli impegni delle Nazionali, nessuna tregua per i calciatori, la Serie A incalza e stasera si riprende con la Champions League. E’ risaputo che al Satyricon del calcio giocato, come dicono a Roma, “non ce ne può fregar de meno”, dunque bando alle ciance e andiamo ad analizzare il meglio della satira calcistica settimanale.

 

Sentenze. Come ai vecchi tempi, bel confronto su Sky tra Massimo Mauro e Zeman, con il primo impegnato a chiedere conto delle amnesie difensive e Zeman a rilasciare sentenza: «Se segni un gol in più degli altri che ti importa di quanti ne prendi?».

 

Morsi letali. Emanuele Dotto a RadioUno in cronaca per Cesena-Sampdoria: “Gabbiadini, il cui sinistro è letale come il morso di un cobra, o di una vipera, o viperetta”.

 

Scuse da rivedere. Stefano Tacconi a Sabato Sprint fa le sue scuse ad un perplesso Allegri: «Salve Allegri, prima di tutto mi devo scusare con lei per averle dato del pirla. Perché io avevo detto che alla Juve sarebbe andato il primo pirla che passava di lì. E adesso, beh, devo dirle che lei come pirla è davvero un gran bel pirla, ma davvero, cioè, un bel pirla, è bravissimo».

 

Dal Cile con Furore. Secondo il quotidiano cileno “La Cuarta”, le non positive prestazioni sportive di Alexis Sanchez (in ultima la partita contro il Manchester United) sarebbero da attribuire ad una relazione decisamente troppo focosa dell’ex Udinese con l’attuale fidanzata Laia Grassi. Dopo aver ammirato l’avvenente sudamericana, il popolo del web, maturo come pochi, ha mostrato un’incredibile solidarietà nei confronti dell’ex Barcellona.

 

Orrori giornalistici. Al TG LA7 si parla della Roma: “Giallorossi senza Titti, impegnati…”.

 

Ecco selezionate per voi le migliori freddure settimanali tratte dal “ROMPI – PALLONE” di Gene Gnocchi.

 

«Perin fermato ubriaco alla guida. Tentava di deviare in corner il palloncino dell'alcoltest».

 

«Adani dice no a Mancini: “Con Sky abbiamo un grande obiettivo: insegnare il congiuntivo a Mauro”».

 

«Angela Merkel durissima con Mario Gomez: “Se vai avanti così ti naturalizzo greco”».

 

«E' fatta per Cassano alla Samp. Ferrero lo vuole come attaccante e come autore dei suoi testi».

 

Spazio ora a Militello e agli striscioni più divertenti della rubrica “Striscia lo Striscione”. Derby della Madonnina milanisti agli interisti: “Noi un faraone Voi solo mummie”. Visto il livello non eccelso della partita, qualcuno si chiede: “Ma è Milan-Inter o Foggia-Pisa?”. Derby umbro: i perugini ai cugini ternani: “Mescoliamo i colori: Rosso + Verde = Marrone. Sarà un caso?”. Italia – Albania, gasati i tifosi albanesi: “Siamo venuti col gommone, adesso abbiamo lo squadrone”.

 

Prima di lasciarvi, eccovi, come da routine settimanale, l’episodio esilarante della settimana.

 

LONDRA (REGNO UNITO), 2014 – Un tifoso del Bolton che sabato 22 novembre ha voluto seguire la sua squadra nella trasferta sul campo del Blackpool in un match valido per la Championship inglese (serie B) ha dell’incredibile. Tutto per via del posto assegnatogli al Bloomfield Road. La sua visuale infatti non era ideale per assistere ad una partita di calcio, vista la presenza di un palo proprio davanti al suo posto a sedere. Ciò che sorprende, soprattutto, è che la sedia non si poteva aprire completamente, proprio per la presenza di questo palo d’acciaio. Insomma l’ennesimo caso di “alta ingegneria” !!

 

 

Scritto da P-JaY il: 25/11/2014 11.39.31

COMMENTA

Per commentare gli articoli é necessario essere loggati a PianetaLeague. Fai login qui di seguito o, se non sei ancora un utente della Community di PianetaLeague,registrati qui. Ti ricordiamo che ogni post che scrivi ti saranno accredidati 5 punti per la "Classifica Fedeltà"

Consegna Formazione entro :

Esprimi il tuo giudizio : clicca su mi piace
© 2003 - 2014 PianetaFantacalcio.it - Tutti i marchi e nomi sono dei legittimi proprietari Questo sito web non rappresenta una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità fissa ed i contenuti sono frutto ed espressione della volontà personale degli iscritti. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.